Un mostruoso “diavolo di sabbia” si aggira per le pianure marziane
NASA/JPL/Università dell’Arizona
Un mostruoso “diavolo di sabbia” si aggira per le pianure marziane
ESP_026394_2160
Inglese   Francese   

HICLIP

720p (MP4)  
Ascolta il testo  

SFONDO

800  1024  
1152  1280  
1440  1600  
1920  2048  
2560  

HIFLYER

PDF, 28x43 cm  

HISLIDES

PowerPoint  
Keynote  
PDF  
Un “diavolo di sabbia”, una tromba d’aria formata dalla polvere del deserto, delle dimensioni di un tornado terrestre torreggia sulla superficie in questa immagine di Amazonis Planitia ripresa nel pomeriggio di una giornata della tarda primavera marziana.

Ripresa anche dalla fotocamera CTX a bordo della Mars Reconaissance Orbiter, la lunghezza dell’ombra proiettata sul terreno indica che la colonna di polvere raggiunge un’altezza di 20 chilometri rispetto alla superficie! Nonostante l’altezza colossale, la colonna ha un diametro di soli 70 metri, dando al diavolo di sabbia un aspetto simile a quello di un serpente attorcigliato dai venti che soffiano a grande altitudine, in modo simile ad un’altra formazione vista recentemente in questa regione.

Tipicamente i tornado terrestri sono alti meno di 16 chilometri, mentre i diavoli di sabbia raramente raggiungono alcune centinaia di metri di altezza. Quindi, perché questa formazione è stata classificata come un diavolo di sabbia e non come un tornado marziano? I diavoli di sabbia sono diversi dai tornado a causa delle loro sorgenti di energia. I diavoli sono generati dal calore della superficie che l’assorbe dalla luce solare e la irraggia nuovamente scaldando l’aria circostante. L’aria calda sale e ruota mentre si contrae, in modo simile ad un pattinatore che ruota più velocemente avvicinando le braccia al corpo.

I tornado invece dispongono di un generatore di energia aggiuntivo: il calore ceduto dal vapore acqueo che si condensa sotto forma di pioggia. Il vapore acqueo condensato produce la parte visibile di un tornado, il cosiddetto imbuto di condensazione, che è formato da goccioline d’acqua.
Nell’atmosfera marziana c’è troppo poco vapor acqueo perché esso contribuisca in modo significativo alla convezione atmosferica su scala locale. Le nuvole che si vedono in questa immagine sono prodotte da particelle di polvere, non da gocce di pioggia. L’incredibile altezza dei diavoli di sabbia marziani è resa possibile dallo spessore dello strato inferiore dell’atmosfera marziana (dove può avvenire il fenomeno della convezione), che è molto più spesso rispetto al corrispondente strato dell’atmosfera terrestre.

Che cosa succederebbe se ci si trovasse sul percorso di questa diavolo di sabbia? Poiché la densità dell’atmosfera marziana è molto bassa, è poco probabile che si venga travolti, anche nel caso di una formazione che ruoti ad alta velocità. Tuttavia si verrebbe letteralmente “sabbiati” dalle particelle trasportate dal vento, il che potrebbe in breve tempo graffiare il visore della tuta spaziale se un astronauta venisse sorpreso all’aperto da questo mostro!

Il vortice qui ripreso ha lasciato dietro di sé una traccia di colore chiaro, a causa del sommovimento prodotto dai venti sulla superficie ricoperta di polvere, e ha disegnato il percorso del diavolo di sabbia che si è spostato da nord-ovest in direzione sud-est. Vicino la base del diavolo è visibile una “gonna” di polvere ampia due volte l’imbuto, ma la traccia ha invece una larghezza pari a quella dell’imbuto stesso. Nella stessa scena ripresa dalla camera CTX sono visibili dozzine di diavoli di dimensioni più ridotte, mentre “aspirano” la superficie metodicamente e “pompano” la polvere nell’atmosfera del Pianeta Rosso.

VIDEO
JPL ha realizzato due belle animazioni di questo "diavolo di sabbia."
Clip 1
Clip 2

Traduzione: Roberto Gorla


CONDIVIDERE:  twitter  •  facebook  •  google+  •  tumblr
 
Data di acquisizione
14 marzo 2012

Ora su Marte
3:02 PM

Latitudine (centrata)
35.5°

Longitudine (Est)
201.5°

Intervallo dal sito di destinazione
295.8 km

Scala originale dell’immagine
di 59.2 cm/pixel (con 2 x 2 binning) a 118.4 cm/pixel (con 4 x 4 binning)

Scala dell’immagine proiettata:
50 cm/pixel

Immagine proiettata
Equirettangolare (e il nord è su)

Angolo di emissione
0.3°

Angolo di fase
40.4°

Angolo di incidenza del Sole
40°, e il Sole è localizzato 50° sopra l’orizzonte

Longitudine solare
83.0°, primavera settentrionale

JPEG
Nero e bianco:
proiettato  non proiettato

Colore IRB:
proiettato  non proiettato

Colori combinati IRB:
proiettato

Colori combinati RGB:
proiettato

Colore RGB:
non proiettato

JP2 per scaricare
Nero e bianco:
proiettato (876 MB)

Colore IRB:
proiettato (691 MB)

JP2 EXTRAS
Nero e bianco:
proiettato  (481 MB)
non proiettato  (335 MB)

Colore IRB:
proiettato  (397 MB)
non proiettato  (651 MB)

Colori combinati IRB:
proiettato  (1011 MB)

Colori combinati RGB:
proiettato  (877 MB)

Colore RGB:
non proiettato  (589 MB)
Etichette per i prodotti
Nero e bianco
Colore
Colori combinati IRB
Colori combinati RGB
Prodotti EDR

Prodotti fotografici
“Drag & drop” per usare con HiView, oppure clicca per scaricare.


Addenda
Il Jet Propulsion Laboratory della NASA dirige la sonda MRO. La fotocamera fu costruita da Ball Aerospace & Techologies Corp., e il suo progetto è realizzato dall’Università dell’Arizona.