Creste scure nella Iapygia
NASA/JPL/Università dell’Arizona
Creste scure nella Iapygia
ESP_020782_1610
Inglese   Francese   

twitter  •  google+  •  tumblr

SFONDO
800
1024
1152
1280
1440
1600
1920
2048
2560
2880

HISLIDES
PowerPoint
Keynote
PDF

Le regioni tropicali di Marte sono comunemente disseminate di piccole increspature di colore chiaro che sono state in qualche modo plasmate dal vento. Vengono comunemente chiamate “creste trasversali eoliche”, (o TAR dalla sigla inglese). Queste creste spiccano fino a 6 metri di altezza rispetto al terreno circostante e sono distanziate di poche decine di metri l'una dall'altra. Sono generalmente orientate trasversalmente rispetto alle più recenti direzioni del vento giornaliero, e spesso si trovano nei canali e all’interno dei cratere.

Il processo fisico che le produce è ancora sconosciuto. La maggior parte delle TAR non mostra alcuna struttura interna, per cui è difficile discernere esattamente come si sono formate.

Una possibile interpretazione di tali stratificazioni è che questi particolari TAR sono composti da strati a forma di cuneo, come mostrato a href='https://static.uahirise.org/images/2014/details/cut/ESP_020782_1610-2.jpg' class='captionz'>in una sezione trasversale schematica, la quale illustra la struttura dedotta del TAR. Se l'ipotesi è corretta, ciò implica che le increspature sono cresciute verticalmente nel corso del tempo grazie al materiale accumulato sulla cima delle creste. Essa suggerisce inoltre che i pendii sono posti controvento.

Questa immagine potrebbe fornire un valido indizio per la formazione di TAR in altri luoghi su Marte, se hanno una struttura interna simile, ma tale struttura non è visibile in quanto sono costituiti da materiali omogenei e quindi con un colore uniforme.

Traduzione: Pasquale Sciaretta

 
Data di acquisizione
01 gennaio 2011

Ora su Marte
3:39 PM

Latitudine (centrata)
-18.7°

Longitudine (Est)
62.6°

Altitudine della sonda
259.1 km

Scala originale dell’immagine
25.9 cm/pixel (con 1 x 1 binning) e gli oggetti di 78 cm attraverso sono risolti

Scala dell’immagine proiettata:
25 cm/pixel

Immagine proiettata
Equirettangolare (e il nord è su)

Angolo di emissione
2.5°

Angolo di fase
55.5°

Angolo di incidenza del Sole
53°, e il Sole è localizzato 37° sopra l’orizzonte

Longitudine solare
209.4°, autunno settentrionale

JPEG
Nero e bianco:
proiettato  non proiettato

Colore IRB:
proiettato  non proiettato

Colori combinati IRB:
proiettato

Colori combinati RGB:
proiettato

Colore RGB:
non proiettato

JP2 per scaricare
Nero e bianco:
proiettato (837 MB)

Colore IRB:
proiettato (378 MB)

JP2 EXTRAS
Nero e bianco:
proiettato  (370 MB)
non proiettato  (510 MB)

Colore IRB:
proiettato  (138 MB)
non proiettato  (369 MB)

Colori combinati IRB:
proiettato  (202 MB)

Colori combinati RGB:
proiettato  (192 MB)

Colore RGB:
non proiettato  (369 MB)
3D
Proiettato, risoluzione ridotta (PNG)
JP2 per scaricare

Etichette per i prodotti
Nero e bianco
Colore
Colori combinati IRB
Colori combinati RGB
Prodotti EDR

Prodotti fotografici
“Drag & drop” per usare con HiView, oppure clicca per scaricare.

NB
IRB: Infrarosso–rosso–blu
RGB: Rosso–verde–blu


Addenda
Il Jet Propulsion Laboratory della NASA dirige la sonda MRO. La fotocamera fu costruita da Ball Aerospace & Techologies Corp., e il suo progetto è realizzato dall’Università dell’Arizona.