Rocce stratificate nel cratere Orson Welles
NASA/JPL/Università dell’Arizona
Rocce stratificate nel cratere Orson Welles
PSP_008391_1790
Inglese   

SFONDO

800  1024  
1152  1280  
1440  1600  
1920  2048  
2560  

Questa immagine mostra parte del fondo del cratere intitolato ad Orson Welles, un antico cratere da impatto ora connesso con Valles Shalbatana, un canale di deflusso. Parte del fondo del cratere contiene protuberanze di grandi dimensioni paragonabili a quelle che si trovano in altri “terreni caotici” di Marte; tali aree sono spesso la sorgente di giganteschi canali che hanno trasportato inondazioni.

Esaminati più da vicino, le aree di colore più chiaro appaiono formate da materiali finemente stratificati, parzialmente sepolti sotto altri materiali più scuri e sotto dune di sabbia. Tali rocce chiare si trovano in diversi siti di Marte e si pensa che siano di origine sedimentaria. Le notevoli variazioni di colore che si verificano nelle rocce possono essere il risultato di differenti composizioni mineralogiche.

In aggiunta alle mutevoli bande chiare e scure, alcune delle rocce appaiono di colore azzurro chiaro nell’ immagine a falsi colori mentre altre hanno un tono giallognolo. Un altro segno di cambiamento nelle rocce sta nel modo in cui alcuni strati sembrano formare delle terrazze, mentre altri hanno margini ripidi. Questo fatto indica che gli strati presentano resistenze diverse, e che qualsiasi processo abbia formato queste rocce esso è cambiato durante il processo di deposizione degli strati.

L’ origine di queste rocce chiare e stratificate è ancora incerta e probabilmente variabile. Alcune potrebbero essere costituite da arenaria depositata dal vento, come quella scoperta al sito di atterraggio di Opportunity mentre altri affioramenti potrebbero essere formati da cenere vulcanica come quella del sito di Spirit. Altre ancora potrebbero essere antichi depositi lacustri. Dipanare il mistero della storia di queste rocce aiuterà ad aprire una finestra sugli eventi avvenuti nel passato di Marte.

Traduzione: Roberto Gorla


CONDIVIDERE:  twitter  •  facebook  •  google+  •  tumblr
 
Data di acquisizione
11 maggio 2008

Ora su Marte
3:11 PM

Latitudine (centrata)
-1.0°

Longitudine (Est)
314.0°

Intervallo dal sito di destinazione
273.9 km

Scala originale dell’immagine
27.4 cm/pixel (con 1 x 1 binning) e gli oggetti di 82 cm attraverso sono risolti

Scala dell’immagine proiettata:
25 cm/pixel

Immagine proiettata
Equirettangolare (e il nord è su)

Angolo di emissione
6.4°

Angolo di fase
57.7°

Angolo di incidenza del Sole
53°, e il Sole è localizzato 37° sopra l’orizzonte

Longitudine solare
70.3°, primavera settentrionale

JPEG
Nero e bianco:
proiettato  non proiettato

Colore IRB:
proiettato  non proiettato

Colori combinati IRB:
proiettato

Colori combinati RGB:
proiettato

Colore RGB:
non proiettato

JP2 per scaricare
Nero e bianco:
proiettato (568 MB)

Colore IRB:
proiettato (269 MB)

JP2 EXTRAS
Nero e bianco:
proiettato  (272 MB)
non proiettato  (290 MB)

Colore IRB:
proiettato  (89 MB)
non proiettato  (235 MB)

Colori combinati IRB:
proiettato  (132 MB)

Colori combinati RGB:
proiettato  (134 MB)

Colore RGB:
non proiettato  (224 MB)
3D
Proiettato, risoluzione ridotta (PNG)
JP2 per scaricare

Etichette per i prodotti
Nero e bianco
Colore
Colori combinati IRB
Colori combinati RGB
Prodotti EDR

Prodotti fotografici
“Drag & drop” per usare con HiView, oppure clicca per scaricare.


Addenda
Il Jet Propulsion Laboratory della NASA dirige la sonda MRO. La fotocamera fu costruita da Ball Aerospace & Techologies Corp., e il suo progetto è realizzato dall’Università dell’Arizona.