Un
NASA/JPL/Università dell’Arizona
Un
ESP_029614_1105
Inglese   

twitter  •  google+  •  tumblr

SFONDO
800
1024
1152
1280
1440
1600
1920
2048
2560
2880

HIFLYER
PDF (28x43 cm)

HISLIDES
PowerPoint
Keynote
PDF

Questa immagine proviene dalle alte latitudini nell'emisfero sud, circa a metà strada e interamente in primavera australe.

Proprio come sulla Terra, lo strato di brina che si accumula durante l'inverno scompare con l'avvicinarsi dell'estate mentre Marte si riscalda. Tuttavia, la maggior parte di questo gelo non è di ghiaccio acqua e neve; su Marte la maggior parte del gelo/ghiaccio è formato da anidride carbonica (nota anche come "ghiaccio secco").

Questo materiale non si scioglie, ma invece passerà direttamente dallo stato solido a quello vapore (un processo chiamato sublimazione) in caso di riscaldamento (superiore a 147°K, pari a -195°F o -126°C). In tal modo, essa creerà tutti i tipi di forme superficiali interessanti.

In questa immagine, possiamo vedere i punti di sublimazione (piccole macchie dove il gelo/ghiaccio ha sublimato, esponendo il terreno più scuro). Vediamo anche piccoli ventagli, che si formano quando getti di anidride carbonica gassosa eruttano attraverso un punto debole del ghiaccio superficiale, eiettando materiale superficie scuro che poi viene spalmato su tutta la superficie dal vento (in modo che le diverse direzioni dei ventagli ci mostrano come il vento varia attraverso questo paesaggio).

Sono visibili anche grandi e scuri "flussi"; questi sono valanghe di materiale che si estendono nel tratto discendente (e gli scienziati stanno ancora discutendo se i flussi sono caratteristici di ambiente asciutto o umido). In poche settimane successive, molte altre di queste forme appariranno e cresceranno, fino a quando Marte si riscalda a sufficienza, per far scomparire tutta la brina e il ghiaccio (con le relative forme di sublimazione).

Traduzione: Fabio Zampetti

 
Data di acquisizione
20 novembre 2012

Ora su Marte
4:03 PM

Latitudine (centrata)
-69.5°

Longitudine (Est)
153.4°

Altitudine della sonda
250.2 km

Scala originale dell’immagine
25.0 cm/pixel (con 1 x 1 binning) e gli oggetti di 75 cm attraverso sono risolti

Scala dell’immagine proiettata:
25 cm/pixel

Immagine proiettata
Stereografica polare

Angolo di emissione
1.7°

Angolo di fase
67.2°

Angolo di incidenza del Sole
69°, e il Sole è localizzato 21° sopra l’orizzonte

Longitudine solare
210.1°, autunno settentrionale

JPEG
Nero e bianco:
proiettato  non proiettato

Colore IRB:
proiettato  non proiettato

Colori combinati IRB:
proiettato

Colori combinati RGB:
proiettato

Colore RGB:
non proiettato

JP2 per scaricare
Nero e bianco:
proiettato (444 MB)

Colore IRB:
proiettato (250 MB)

JP2 EXTRAS
Nero e bianco:
proiettato  (277 MB)
non proiettato  (283 MB)

Colore IRB:
proiettato  (120 MB)
non proiettato  (239 MB)

Colori combinati IRB:
proiettato  (115 MB)

Colori combinati RGB:
proiettato  (104 MB)

Colore RGB:
non proiettato  (214 MB)
Etichette per i prodotti
Nero e bianco
Colore
Colori combinati IRB
Colori combinati RGB
Prodotti EDR

Prodotti fotografici
“Drag & drop” per usare con HiView, oppure clicca per scaricare.

NB
IRB: Infrarosso–rosso–blu
RGB: Rosso–verde–blu


Addenda
Il Jet Propulsion Laboratory della NASA dirige la sonda MRO. La fotocamera fu costruita da Ball Aerospace & Techologies Corp., e il suo progetto è realizzato dall’Università dell’Arizona.