Linee nella Sabbia
NASA/JPL/Università dell’Arizona
Linee nella Sabbia
ESP_014185_1095
Inglese   Francese   

twitter  •  google+  •  tumblr

SFONDO
800
1024
1152
1280
1440
1600
1920
2048
2560



Questa meravigliosa immagine mostra le tracce lasciate dai turbini di polvere sulla sabbia portando allo scoperto un substrato di colore pių scuro.



I turbini di polvere sono abbastanza comuni su Marte e a volte lasciando tracce luminose chiare invece che scure. Nel corso del tempo, č possibile osservare svariate tracce che attraversano in lungo e in largo la sabbia.

Traduzione: Pasquale Sciarretta

 
Data di acquisizione
05 agosto 2009

Ora su Marte
2:46 PM

Latitudine (centrata)
-70.4°

Longitudine (Est)
178.2°

Altitudine della sonda
248.8 km

Scala originale dell’immagine
49.8 cm/pixel (con 2 x 2 binning) e gli oggetti di 149 cm attraverso sono risolti

Scala dell’immagine proiettata:
50 cm/pixel

Immagine proiettata
Stereografica polare

Angolo di emissione
0.2°

Angolo di fase
59.0°

Angolo di incidenza del Sole
59°, e il Sole è localizzato 31° sopra l’orizzonte

Longitudine solare
316.2°, inverno settentrionale

JPEG
Nero e bianco:
proiettato  non proiettato

Colore IRB:
proiettato  non proiettato

Colori combinati IRB:
proiettato

Colori combinati RGB:
proiettato

Colore RGB:
non proiettato

JP2 per scaricare
Nero e bianco:
proiettato (267 MB)

Colore IRB:
proiettato (130 MB)

JP2 EXTRAS
Nero e bianco:
proiettato  (128 MB)
non proiettato  (180 MB)

Colore IRB:
proiettato  (60 MB)
non proiettato  (149 MB)

Colori combinati IRB:
proiettato  (264 MB)

Colori combinati RGB:
proiettato  (248 MB)

Colore RGB:
non proiettato  (140 MB)
Etichette per i prodotti
Nero e bianco
Colore
Colori combinati IRB
Colori combinati RGB
Prodotti EDR

Prodotti fotografici
“Drag & drop” per usare con HiView, oppure clicca per scaricare.

NB
IRB: Infrarosso–rosso–blu
RGB: Rosso–verde–blu


Addenda
Il Jet Propulsion Laboratory della NASA dirige la sonda MRO. La fotocamera fu costruita da Ball Aerospace & Techologies Corp., e il suo progetto è realizzato dall’Università dell’Arizona.