Dune del Cratere Richardson durante il disgelo
NASA/JPL/Università dell’Arizona
Dune del Cratere Richardson durante il disgelo
ESP_012774_1080
Inglese   Francese   

twitter  •  google+  •  tumblr

SFONDO
800
1024
1152
1280
1440
1600
1920
2048
2560


Questa immagine mostra una parte delle dune che riempiono il cratere Richardson, un bacino di 55 chilometri di diametro situato nelle regioni polari di Marte, che è un obbiettivo ripreso di frequente dalla HiRISE.

Durante l’autunno e l’inverno australi, queste dune sono ricoperte di ghaccio secco (composto da biossido di carbonio) stagionale, che poi sublima nell’atmosfera, passando direttamente dallo stato solido a quello gassoso, quando, in primavera e in estate, le temperature aumentano nuovamente.

L’ immagine di dettaglio a colori esaltati mostra la differenza tra le dune che sono ancora coperte in gran parte dal gelo stagionale e le dune che hanno già subìto il disgelo. I colori di molte delle dune di Marte possono cambiare drasticamente a seconda della stagione in cui ci troviamo. Nelle immagini riprese da HiRISE il gelo tende ad essere molto riflettente, particolarmente con il filtro blu-verde, ma le dune di per sè sono molto scure.

Le tracce e le zone scure visibili nelle regioni ricoperte di ghiaccio rappresentano aree in cui il disgelo è in corso. In alcuni punti il ghiaccio è già sublimato completamente. In altre zone, forse è avvenuta una piccola valanga di sabbia o polvere che è andata a ricoprire il ghiaccio. Si possono anche trovare delle chiazze di ghiaccio a grani grossi che sono abbastanza trasparenti da permettere di vedere la sabbia che si trova al di sotto. Mentre la primavera avanza e si avvicina l’estate, le dune meridionali di Marte diventano sempre più scure e rosse nelle foto scattate dalla HiRISE.

Le dune del polo sud di Marte vengono studiate sia dagli scienziati interessati al ciclo stagionale di gelo e disgelo che dagli studiosi che attendono la sparizione del ghiaccio per studiare le dune medesime.

Traduzione: Roberto Gorla

 
Data di acquisizione
17 aprile 2009

Ora su Marte
3:42 PM

Latitudine (centrata)
-72.0°

Longitudine (Est)
179.4°

Altitudine della sonda
252.4 km

Scala originale dell’immagine
50.5 cm/pixel (con 2 x 2 binning) e gli oggetti di 152 cm attraverso sono risolti

Scala dell’immagine proiettata:
50 cm/pixel

Immagine proiettata
Stereografica polare

Angolo di emissione
8.6°

Angolo di fase
64.8°

Angolo di incidenza del Sole
57°, e il Sole è localizzato 33° sopra l’orizzonte

Longitudine solare
248.8°, autunno settentrionale

JPEG
Nero e bianco:
proiettato  non proiettato

Colore IRB:
proiettato  non proiettato

Colori combinati IRB:
proiettato

Colori combinati RGB:
proiettato

Colore RGB:
non proiettato

JP2 per scaricare
Nero e bianco:
proiettato (219 MB)

Colore IRB:
proiettato (104 MB)

JP2 EXTRAS
Nero e bianco:
proiettato  (96 MB)
non proiettato  (141 MB)

Colore IRB:
proiettato  (38 MB)
non proiettato  (121 MB)

Colori combinati IRB:
proiettato  (216 MB)

Colori combinati RGB:
proiettato  (191 MB)

Colore RGB:
non proiettato  (106 MB)
Etichette per i prodotti
Nero e bianco
Colore
Colori combinati IRB
Colori combinati RGB
Prodotti EDR

Prodotti fotografici
“Drag & drop” per usare con HiView, oppure clicca per scaricare.

NB
IRB: Infrarosso–rosso–blu
RGB: Rosso–verde–blu


Addenda
Il Jet Propulsion Laboratory della NASA dirige la sonda MRO. La fotocamera fu costruita da Ball Aerospace & Techologies Corp., e il suo progetto è realizzato dall’Università dell’Arizona.